Programma

Giovedì 24 maggio 2018

}

10:00

 

Apertura

Accoglienza dei partecipanti, presentazione di Armonie composte e visita all’Abbazia

}

13:00

 

Pausa pranzo

}

14:30

 

Apertura dei lavori

Saluti istituzionali: Abbazia di Praglia, Università degli Studi di Padova, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e per le province di Belluno, Padova e Treviso.

}

15:00

All’ombra della Sibilla: paesaggi artistici fra Spoleto e Camerino

Andrea de Marchi, Università degli Studi di Padova

}

15:30

Un territorio, un paesaggio ferito. I caratteri del sistema insediativo, territoriale, sociale ed economico prima e dopo il sisma

Massimo Sargolini, Università degli studi di Camerino

}

16:30

Pausa

}

16:00

Vivere coi terremoti. Un piano strategico per la prevenzione del rischio sismico e per la ricostruzione nelle terre marchigiane

Antonello Alici, Università Politecnica delle Marche

}

17:00

Montecassino, Farfa e gli insediamenti benedettini nel centro Italia. Accorgimenti costruttivi per fronteggiare il terremoto

Adriano Ghisetti Giavarina, Università “Gabierle D’Annunzio” di Chieti-Pescara

}

17:30 - 18:30

Discussione

}

19:30

Cena

}

20:30

Proiezione del film: Il canto del ritorno. Paolo Rumiz sull’Appennino ferito dal terremoto per la regia di Alessandro Scillitani (2017).

Paolo Rumiz e Alessandro Scillitani

Evento aperto al pubblico su inviti

Venerdì 25 maggio 2018 – mattino

}

09:00

 

Introduzione ai lavori

A cura degli organizzatori dell’evento

}

09:15

 

Politiche di intervento per il recupero e la tutela dei beni culturali delle terre colpite dal sisma

Marica Mercalli, Sovrintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria

}

09:45

«E vulnere ubertas». Ricostruzione e rinascita delle comunità benedettine nel corso dei secoli alla luce della Regola di San Benedetto

Bruno Marin osb (Abbazia di Praglia) e Luigi Tiana osb (Curia Generalizia della Congregazione Sublacense Cassinese)
}

10:15

Trauma e resilienza. L’impatto psicologico del sisma sugli individui e le comunità

Francesca Pazzaglia (Università degli studi di Padova)
}

10:45

Ruolo dell’Osservatorio Sismico Andrea Bina, nell’ultimo ventennio, nel settore del monitoraggio, della prevenzione e della didattica

Martino Siciliani osb (Osservatorio sismico “Andrea Bina” – Perugia)
}

11:15

Pausa

}

11:45

Vulnerabilità sismica del costruito esistente e strategie di miglioramento e adeguamento

Carmelo Maiorana e Carlo Pellegrino (Università degli studi di Padova)
}

12:15

Lavoro a gruppi

}

13:30

Pranzo

Venerdì 25 maggio 2018 – pomeriggio

}

15:00

 

Introduzione

Giuseppe Zaccaria (Università degli studi di Padova)
}

15:15

 

Ricostruzione e rilancio di un ecosistema innovativo nella esperienza post-sisma in Emilia-Romagna.

Giulio Cainelli (Università degli studi di Padova) e Silvano Bertini (Regione Emilia-Romagna)
}

15:45

Esperienze di ricerca-azione partecipativa in situazione di post-emergenza: dall’Aquila dopo il sisma del 2009 ai terremoti del 2016-2017 in Centro Italia

Lina Maria Calandra (Università degli studi de L’Aquila)
}

16:15

La ricostruzione in Friuli dopo il terremoto del 1976. Oltre quarant’anni di interventi e di gestione in continua evoluzione critica

Elisabetta Francescutti (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia)
}

16:45

Ruolo dell’Osservatorio Sismico Andrea Bina, nell’ultimo ventennio, nel settore del monitoraggio, della prevenzione e della didattica

Martino Siciliani osb (Osservatorio sismico “Andrea Bina” – Perugia)
}

17:15

Pausa

}

17:45-19:00

Lavoro a gruppi e discussione

}

19:30

Cena

Sabato 26 maggio 2018 – mattino

}

09:00

 

Introduzione ai lavori

a cura degli organizzatori del convegno

}

09:20

 

Una testimonianza dalla Terra di Benedetto

Benedetto Nivakoff osb (Priore della Comunità benedettina di Norcia)
}

09:50

Resilienze appenniniche. Uomini ed economie in bilico

Manuel Vaquero Pineiro (Università degli studi di Perugia)
}

10:20

TRA TUTELA E PREVENZIONE.
Una conversazione su questioni di catalogazione, gestione e pratiche di conservazione dei beni culturali e dei beni ecclesiastici. Le esperienze del Deposito per i beni culturali di Santo Chiodo e del Museo civico di Carpi

Anna Maria Spiazzi con Tiziana Biganti (Responsabile dell’Unità di crisi del MIBACT per la messa in sicurezza del patrimonio artistico) e Manuela Rossi (Direttrice dei Musei di Palazzo dei Pio – Carpi (Modena)
}

11:30

Pausa

}

12:00-13:00

Lavoro a gruppi

}

13:30

Pranzo

Sabato 26 maggio 2018 – pomeriggio

}

14:45

 

Consegna attestati ai partecipanti del seminario

}

15:00

 

Sintesi delle giornate

a cura degli organizzatori del convegno
}

15:20

Dalla gestione dell’emergenza sismica alla definizione di approcci sostenibili per la mitigazione del rischio

Francesca Da Porto (Prorettrice dell’Università degli studi di Padova)
}

16:00

Incontro pubblico – Tavola rodonda: Paesaggi feriti: azioni per un futuro consapevole

IntroduzioneCaroline Bruzelius (Duke University)
ModeratoreGiuseppe Zaccaria (Università degli studi di Padova)
Interventi:
  • Francesca Merloni – Fondazione Aristide Merloni, Ambasciatrice per le Città Creative Unesco
  • Giuseppe Cappochin – Presidente Consiglio Nazionale degli architetti
  • Alessandro Delpriori – Sindaco di Matelica
  • Francesco Giovanni Brugnaro – Vescovo di Camerino
}

17:30 - 18:00

Discussioni e saluti

Registrati Adesso!

Le operazioni di registrazione per l’edizione 2018 sono concluse.

Contattaci

9 + 12 =

Privacy Policy